Erboristeria Binasco

TUTTO QUELLO CHE VUOI SAPERE SUL CAFFE’

TUTTO QUELLO CHE VUOI SAPERE SUL CAFFE’

IL CAFFE’

“Gradisci un caffè?”

“Ci prendiamo un caffè?”

“Passi da me per un caffè veloce?”

Il momento del caffè, un rito tipicamente italiano, ci fa pensare a qualcosa di estremamente piacevole : un momento di pausa dal lavoro, un incontro con un’amica, una coccola o la fine di un bel pasto.

Dietro a questa frase si nasconde infatti, soprattutto per noi italiani, un attimo di puro benessere che gioca molto spesso un ruolo fondamentale anche nel farci “esagerare” con questa diffusissima bevanda.

In questo articolo non mi soffermerò sulle origini e la storia del caffè, ma ne analizzerò alcuni aspetti un po’ più legati a benefici, proprietà e controindicazioni che, molto spesso, mi trovo a dover affrontare in negozio anche con i miei clienti.

Il caffè si ottiene dal seme della COFFEA ARABICA che conta però ben 60 proprietà.

Al caffè sono spesso attribuite molte proprietà o, al contrario, vi si riconducono moltissimi disturbi ritenendolo responsabile di alcune patologie o dell’aggravarsi di esse. Vediamo secondo i recenti studi scientifici cosa c’è di vero  e di falso.

EFFETTO STIMOLANTE : il caffè è definito una sostanza “nervina” perché agisce sul sistema nervoso. Allontana la sonnolenza, stimola concentrazione, memoria e attenzione, migliora l’efficienza fisica e mentale. L’effetto stimolante è controindicato qualora si soffra di irritabilità, tachicardia, ansia, vampate di calore e insonnia (in quest’ultimo caso non bevetelo mai dopo le h 16:00).

EFFETTO SULLA SECREZIONE GASTRICA : mentre una tazzina di caffè stimola la secrezione gastrica e biliare e quindi favorisce la digestione (grazie soprattutto all’acido clorogenico),  questo effetto può essere nocivo con un sovradosaggio oppure in casi di gastrite, ulcera, reflusso, a causa dell’elevata acidità dei succhi riversati nello stomaco. Quindi se soffrite di una di queste patologie meglio evitare o ridurre al minimo l’utilizzo della bevanda.

EFFETTO LIPOLITICO E DIURETICO : è dimostrato scientificamente che il caffè ha un effetto diuretico perché aumenta il ritmo cardiaco e il flusso del sangue, anche quello dei reni. Ha inoltre un effetto lipolitico, favorisce la termogenesi e l’utilizzo dei grassi a scopo energetico, ma occhio allo zucchero : questi effetti vengono resi nulli quando se ne utilizza troppo: Una tazzina di caffè amaro contiene 2 calorie, una con un cucchiaino di zucchero può arrivare fino a 45/50 kcal.

EFFETTO ANTIOSSIDANTE : il caffè è una delle fonti più abbondanti di antiossidanti naturali contro i danni dei radicali liberi. Questo soprattutto grazie agli acidi di cui è ricco : prima della torrefazione sono altissimi mentre si riducono drasticamente durante i processi di lavorazione (in alcuni casi fino al 90%), pur rimanendo comunque considerevoli, l’effetto dei polifenoli sembra avere inoltre un effetto positivo sull’incidenza di malattie neurovegetative.

QUANTE TAZZINE : Infine, un’ottima notizia: recenti studi scientifici comprovati dall’ultimo rapporto dell’ EFSA (European Food Safety Autorithy), ritiene che fino a 4/5 tazzine al giorno (circa 400 mg ), non abbiano controindicazioni per il sistema cardiovascolare, anzi, ma in un contesto di dieta sana ed equilibrata. Io credo che l’ideale sia il numero perfetto : 3 tazze al giorno per le donne e 4 per gli uomini, perché molto spesso bisogna tenere conto anche degli altri alimenti contenenti caffeina o comunque sostanze eccitanti.

QUANDO BERLO . contrariamente a quanto si pensa, appena svegli non ci sarebbe bisogno di caffè in quanto i livelli di cortisolo nel copro raggiungono il loro picco massimo nei 20-30 minuti dopo il risveglio : mixare cortisolo e caffeina aumenta la tolleranza alla caffeina rendendo il suo utilizzo vano. E’ l’ideale invece a metà mattina e a metà pomeriggio.

QUANTO IMPIEGA PER FARE EFFETTO E QUANTO DURA : l’effetto della caffeina su ognuno di noi dipende da moltissime variabili: sesso, etnia, tolleranza, uso dello stesso, metabolismo etc. In ogni caso generalmente per cominciare a sentire gli effetti della sua azione tonica su corpo e mente ci vogliono circa 10 minuti che raggiungono il picco entro i primi 45 minuti dall’assunzione. L’effetto dura dalle 2 alle 5 ore ma dipende come già detto dai fattori sopraindicati.

EFFETTO LASSATIVO :in alcuni soggetti, il caffè può aiutare il transito intestinale perché facilità il rilascio di un ormone che sollecita il colon. Va comunque considerato negativo se questo effetto è eccessivo e diventa tutte le volte una corsa al bagno :in questi casi potrebbe trattarsi di un’intolleranza.

PER COMPLETEZZA ricordiamo che il caffè ha un effetto inibitorio sull’assorbimento di calcio e ferro: quindi occhio a non esagerare in caso di anemia ed osteoporosi. Occorre inoltre segnalare che l’uso abituale stabilisce una certa tolleranza nei confronti del caffè e quindi gli effetti sopraindicati sono più massicci su chi non è abituato o ne utilizza meno.

CURIOSITA’: Sapete che i fondi di caffè sono un ottimo concime per le vostre piante ? Come utilizzarli? Farli asciugare e poi raccoglierli in un vasetto di vetro da miscelare al terreno delle vostre amiche verdi.

Vi è piaciuto? Lasciate i vostri commenti

 

Ely

Lascia un commento

Chiudi il menu
×

Carrello

WhatsApp Contattaci